Aiutare ad essere d'aiuto

Nome organizzazione: Associazione Indipendenze (Verona)
Ambito d'intervento: Assistenza sociale
Beneficiari: Familiari di persone con problemi di dipendenza da sostanze o comportamentale
Obiettivo del progetto: Migliorare il benessere psicologico dei familiari di persone con dipendenza
Cifra erogata: 22.000,00 euro

Un'associazione a supporto dei familiari di persone con problemi di dipendenza

L'Associazione Indipendenze, di recente costituzione, promuove il benessere nei nuclei familiari delle persone con problemi di dipendenza da sostanze psico-attive (alcol, droghe...) o comportamentale (gioco d'azzardo, internet...).

Il progetto "Aiutare ad essere d'aiuto" nasce alla luce dei risultati emersi da recenti ricerche, che evidenziano come il problema della dipendenza sia elemento radicato all'interno della provincia di Verona. Tale iniziativa si inquadra in un'ottica di integrazione rispetto al servizio pubblico, che non è sufficientemente in grado di offrire percorsi individuali di cura e che dedica soltanto uno spazio marginale ai familiari delle persone con dipendenza, i quali giocano un ruolo fondamentale per il successo della terapia ma che spesso rinunciano alla possibilità di intraprendere un loro percorso personale a causa di limitate disponibilità economiche.

Da qui, l'idea di organizzare dei cicli annuali di colloqui gratuiti, rivolti principalmente alle fasce più deboli della popolazione locale, con i terapeuti dell'Associazione: i familiari avranno la possibilità di lavorare sulle proprie difficoltà al fine di migliorare il loro benessere psicologico.

L'iniziativa prevede inoltre l'allestimento di uno sportello mensile gratuito per fornire informazioni sul tema e orientare chi ne avesse bisogno verso le realtà competenti presenti sul territorio e la promozione di 4 incontri aperti alla cittadinanza sui diversi tipi di dipendenze da sostanze e comportamentali.

Il futuro è garantito

Un’idea brillante oltre ogni aspettativa: questa è il bel risultato riscosso da Associazione Indipendenze, promotrice di un’inedita iniziativa dedicata ai familiari di persone con dipendenze da sostanze (alcol, droghe) e comportamentali (gioco d’azzardo, ma anche dipendenza da internet).

Circa 40 cicli di trattamento psicologico e informativo, 4 incontri rivolti all’intero territorio provinciale, uno sportello mensile in sede: così nel corso del 2019 si è concretizzata l’idea, rivelatasi innovativa, di associare l’aiuto psicologico alla presa in carico in termini medici già offerta da altre strutture rivolgendosi non tanto alla persona con dipendenze ma ai suoi familiari, perché quasi sempre è dalla famiglia che parte la volontà e l’opportunità di un cambiamento.

Con il valore aggiunto della capacità di fare rete con altre realtà del territorio, da ospedali e SERT fino ad arrivare ad associazioni attive sul tema, con un unico obiettivo condiviso: affrontare in modo competente e concreto un’emergenza sociale che purtroppo si presenta in forme sempre nuove e subdole.