Un abbraccio che fa crescere

Nome organizzazione: Focus Cooperativa Sociale (Sesto S. Giovanni – MI)
Ambito d’intervento: Assistenza sociosanitaria
Beneficiari: Famiglie dei neonati prematuri
Obiettivo del progetto: Accompagnare con un sostegno pedagogico le famiglie dei neonati prematuri
Cifra erogata 3.690 euro

“Un abbraccio che fa crescere” i neonati prematuri

Con il progetto “Un abbraccio che fa crescere”, nel 2014 la Cooperativa Sociale milanese Focus si concentra sul territorio di Verona per accompagnare con un sostegno pedagogico le famiglie dei neonati prematuri in degenza presso il reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona - Borgo Roma.

Il progetto valorizza la “cura affettiva” e il ruolo terapeutico dei genitori nella cura del neonato: numerose ricerche internazionali dimostrano il valore di questo approccio, già parte integrante dei trattamenti nei reparti di neonatologia all’estero, per agevolare il recupero del neonato pretermine in terapia intensiva.

Attraverso la formazione di operatori specializzati, la diffusione di materiale scientifico, il supporto pedagogico alle famiglie, il progetto si focalizza sul contatto genitore-bimbo per svolgere un duplice beneficio: aiutare il bambino a stabilizzare i parametri di vita e favorirne la crescita; attivare un canale di relazione “privilegiato” tra mamma e bambino, aiutando la famiglia a ricoprire adeguatamente il proprio ruolo genitoriale e di coppia.

Il futuro è garantito

Il progetto di Focus è partito con una prima fase di lavoro presso il reparto di Terapia Intensiva Neonatale, ma successivamente è “uscito dall’ospedale” per estendere la propria azione di sostegno all’intero territorio veronese. Le famiglie, ma anche le strutture dedicate ai più piccoli (come gli asili nido), hanno potuto usufruire dell’apporto di operatori appositamente formati per i primi 1.000 giorni del bambino, dalla gravidanza fino a circa 2 anni di vita.